Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Colorno, PR, Italia
Music, Food, Art
Widget
Copy and paste the code below on your site or blog
Text copied
Shortlink
Text copied

Festival della Lentezza

Un festival per ragionare sulla cosa più preziosa che abbiamo, il tempo, e che ci stiamo facendo scivolare dalle mani

5,630€
112% of 5,000€
10 Apr 2016
Expired on
Successful

All or nothing This project will receive all funds raised
only if it reach it's goal.

Festival della Lentezza

Un festival per ragionare sulla cosa più preziosa che abbiamo, il tempo, e che ci stiamo facendo scivolare dalle mani

5,630€
112% of 5,000€
10 Apr 2016
Expired on
Successful

All or nothing This project will receive all funds raised
only if it reach it's goal.

Idea poetica

Presto. E’ ciò che ci insegnano fin da piccoli. Bisogna fare presto. Correre. Muoversi. Accelerare. Il mondo non aspetta, non ha tempo. Cresciamo accumulando ritardi, mentre un senso di colpa latente ci avvolge con una patina quasi impercettibile. La tecnologia, se usata male, non aiuta. Semmai accelera l’affanno, perché moltiplica la nostra connessione con un presente ininterrotto che non ammette, appunto, ritardi. A meno che non la si usi come un mezzo per agevolarci le incombenze quotidiane della vita, per abbattere barriere fisiche e virtuali.

Perché altrimenti il rischio è quello di perdere tutto. Perdiamo il tempo, prima di tutto. Esattamente ciò che serve per agganciarci al traino di un’esistenza felice. Proviamo a pensarci: le relazioni, il godimento delle cose terrene, la contemplazione del mondo intorno a noi. Tutto, ma proprio tutto, richiede tempo, e il tempo concede calma, serenità. Sposta l’asse terrestre della bellezza e rende degno il gioco di esserci.

Sostiene Milan Kundera come ci sia “un legame stretto tra lentezza e memoria, tra velocità e oblio”. Questo festival nasce dall’idea di restituire a noi stessi quel tempo sottratto a cui abbiamo rinunciato, un giorno alla volta. Per prenderci cura del nostro passato e immaginare con freschezza un futuro ancora tutto da scoprire.

Nessun compromesso, o scorciatoia. Nessun trucco. Vogliamo fare le cose con calma. Il logo di questo luogo sarà proprio la persona (niente lumache, formiche o tartarughe…), convinti che sia l’uomo per natura ad essere simbolo supremo di lentezza. Esploreremo terre nascoste come la terza età, le diversabilità. Ci accosteremo al cibo e alla terra, al paesaggio e all’agricoltura. Ci occuperemo di cultura come un bene comune. Di sostenibilità e decrescita. Di spiritualità. E della gioia che sfocia dal divertimento. Condiviso. Orizzontale. Democratico. E gratuito. Lo faremo utilizzando attrezzi forse un poco arrugginiti, ma non per questo meno utili o efficaci. Curiosità ed emozioni saranno i nostri mezzi di locomozione. Cammineremo il tempo, non ci faremo raggiungere dall’ottusa smania di arrivare non importa dove.

Il programma

Musica, immagini, parole. Contaminazioni. E arriveremo infine, con un po’ di fortuna, dove dovremmo stare tutti quanti, insieme. Dentro di noi. Musica Nuda, Lella Costa, Serena Dandini, Stefano Benni, Paola Turci... e tanti altri artisti!

Dove

Il Festival si svolge presso la Reggia Ducale di Colorno (PR), dal 17 al 19 giugno 2016. Info logistiche, programma dettagliato su www.lentezza.org

1456139315186382 logo comuni virtuosi 2

Project created by

Associazione Comuni Virtuosi

L'Associazione Comuni Virtuosi è una rete di enti locali impegnata dal 2005 nella promozione di buone pratiche sperimentate con successo in campo ambientale: gestione del territorio, energia, rifiuti, mobilità, nuovi stili di vita, politiche partecipative e di inclusione sociale. Esperienze concrete che dimostrano che un nuovo modello di sviluppo non solo è possibile, ma conviene! www.comunivirtuosi.org

Colorno, PR, Italia