Sulle ali della Musica, insieme

Il sogno europeo di una giovane orchestra. Intervista ai fondatori dell'ensemble

Ampliare gli orizzonti alla musica giovane con il Crowdfunding

La musica è un grande strumento di confronto, crescita e formazione.

Le sette note sono capaci di trasportare le persone in altri mondi, ma soprattutto permettono a chi le sa "padroneggiare" di esprimere la propria anima attraverso uno strumento. Pratica, sensibilità, spirito di sacrificio sono richieste che la musica fa a chi si presenta al suo cospetto.

Un percorso di miglioramento che raggiunge uno stato di grazia quando il musicista si unisce ad altri appassionati: l'orchestra è un po' come una famiglia, una comunione di spiriti affini che lavorano assieme per offrire al mondo arte e bellezza.

“La musica è per l'anima quello che l'esercizio fisico è per il corpo”, sosteneva il grande filosofo Platone, invitando tutti ad un ascolto attivo e partecipe.

Non è raro trovare progetti musicali in crowdfunding: stavolta parliamo però di un'iniziativa che coinvolge giovani musicisti che vogliono "aprirsi" al mondo e confrontarsi con un panorama più ampio.

Scopriamo di che cosa si tratta in questa intervista ai soci fondatori dell’Accademia degli Ostinati, Robert Andorka, direttore d’orchestra con esperienza internazionale, e Eugenia Varcasia violoncellista, professoressa, già componente dell'Orchestra Sinfonica di S.Cecilia e dell’Orchestra della Radio Televisione Austriaca ORF a Vienna.



​​Quando nasce la vostra orchestra e da chi è composta?

L'Associazione “Accademia degli Ostinati” nasce a Roma nell'aprile del 2014 dalla collaborazione di professionisti, con vasta esperienza nazionale ed internazionale, del mondo della musica. 

Fin dall'inizio abbiamo ritenuto fondamentale associare ad un accurato insegnamento dello strumento anche l'insegnamento della musica d'insieme. Da qui, la nascita dell’Orchestra d'archi quale formazione permanente e sempre in crescita  all'interno della scuola. 

L’Orchestra d’archi di venti elementi, è composta da ragazzi, dotati di grande passione e talento musicale, di età compresa dai 13 ai 22 anni.

Perché la partecipazione all’European Music Festival for Young People è importante?

La partecipazione a tale evento, oltre all’aspetto “competitivo”, rappresenta per i ragazzi una grande occasione di confronto con realtà, sia di livello europeo che mondiale, simili alla loro. 

Questa occasione di confronto, di interrelazione, competizione e conoscenza con coetanei che condividono la stessa passione crediamo possa rappresentare - per dei giovani musicisti - una grande e, per certi versi irripetibile, occasione di crescita. 

L’European Music Festival for Young People costituisce, in quest’ambito, un evento di assoluto valore e di grande tradizione che vede la partecipazione di rappresentanti di moltissimi Paesi europei ed extraeuropei.

Descriveteci la vostra “mission”, l’obiettivo della vostra attività…

I nostri obiettivi sono la divulgazione e la promozione della musica classica nel senso più ampio del termine. Lo scopo privilegiato è la formazione dei bambini e dei ragazzi fornendo loro un'educazione musicale a tutto tondo. 

Riteniamo, inoltre, che la musica d’insieme sia, in particolare per i bambini e i ragazzi, non solo lo stimolo ideale per far crescere e coltivare il talento, l’entusiasmo e la passione per la musica ma anche lo strumento più idoneo per favorire l’attitudine a sviluppare, mantenere e gestire in modo efficace una buona relazione con gli altri e per affrontare uno studio impegnativo qual è quello della musica.

​Qual è il motivo che vi ha spinto a utilizzare il crowdfunding per questo progetto musicale?

Fino ad oggi tutte le iniziative, anche le numerose iniziative di beneficienza, che hanno coinvolto sono state supportate, con sacrifici ma con entusiasmo, dalle famiglie dei ragazzi. 

Per questa occasione, in considerazione del prestigio dell’evento e degli aspetti di rappresentanza del nostro Paese e della nostra Città abbiamo ritenuto che condividere questa esperienza attraverso un crowdfunding, cercando di trasmettere l’entusiasmo e l’impegno, fatto di tante ore di studio ed esercitazioni, che i ragazzi stanno profondendo, significhi anche farli sentire destinatari di apprezzamento e fiducia da parte di coloro che, anche senza conoscerli direttamente, riescono a sentirsi culturalmente ed emotivamente coinvolti. 

Per i ragazzi sarà un po’ come partire per Neerpelt con dei sostenitori al seguito.

Quali ricompense attendono i sostenitori?

Ai nostri sostenitori doniamo la nostra passione: la musica.

Sono previsti, infatti, posti riservati ai nostri concerti, CD, gadget e, per importi più rilevanti, l’offerta di esibizioni personali dell’Orchestra.

Share this content